lessico, pronuncia, tutti i post

Imparare l’inglese? -Si può fare!

Se pensi che l’inglese sia una lingua ostica e difficile, ti dimostrerò che sbagli.

Mi dirai: È una lingua molto diversa dall’italiano!

Fonti etimologiche del lessico inglese: oltre il 60% dei vocaboli è di origine latina o romanza (in blu e azzurro)
[fonte: Oxford English Dictionary]

-Beh, sì, è una lingua germanica, ma per motivi storici, il lessico inglese è composto per oltre il 60% da vocaboli di origine latina o romanza!

Mi dirai: Non ci capisco niente!

-E io ti dico che vivi in un mondo globalizzato per cui, volente o nolente, ne sai già un bel po’! 

Per esempio, riesci a capire il seguente brano?

“I motivi per cui le persone utilizzano Just Eat  sono molteplici: si usufruisce del take away quando ci si riunisce per vedere in compagnia i talent o i reality show. Il servizio è richiesto prevalentemente nei weekend, afferma il manager“.
[Repubblica, 7.3.2016]

-Ecco, appunto!!

E poi c’è tutto ciò che hai studiato in passato. So che ti sembra di aver dimenticato tutto, ma ti assicuro che tornerà a galla, per lo meno in gran parte.

Mi dirai: Tu mi parli di lessico, ma a me spaventa la grammatica.

-Io parlo di lessico perché il lessico è ciò che conta. Prova a comunicare con la sola grammatica, senza conoscere le parole per indicare le cose. Non ci riuscirai mai! Con un lessico più o meno ampio, però, anche senza conoscere la grammatica, in qualche modo uno si spiega, anche se goffamente.

Ma ti dirò di più: la distinzione tra lessico e grammatica è artificiale. Infatti, se al posto di imparare parole “sfuse” si guardano le espressioni (dette “chunks”, blocchi di lingua precostituiti), lì dentro la grammatica c’è già, e diventa molto più facile impararla.

Se conosci l’espressione “Made in Italy”, basterà poco per insegnarti il passivo; se sai cosa (non) fare quando leggi “Please do not disturb”, sai già la forma negativa dell’imperativo; se parli di “fake news” saprai, anche se forse non ci hai mai pensato, che in inglese, l’aggettivo precede il sostantivo.

Tutto ciò, senza contare che la grammatica inglese è nota per essere tra le più semplici.

Infine mi contesterai che la pronuncia è impossibile, e che anche quando per miracolo riesci a farti capire, non capisci ciò che ti si risponde.

-Ebbene, sì, la comprensione all’ascolto è l’elemento più difficile nell’apprendimento di ogni lingua. Ma i due problemi sono collegati, perché la tua pronuncia è anche una sorta di “immagine sonora” che hai della parola, e quando questa non corrisponde a ciò che senti, non la riconosci.

Se la parola orso – bear – tu la pronunci /bi:r/ (che invece significa birra) anziché /ber/, come farai a riconoscerla quando la pronuncerò correttamente? Magari penserai che si tratta di una parola che non conosci… Viceversa, rischi di mettermi in difficoltà parlandomi di birra anziché di orsi.

Questo però vuol dire che migliorando la pronuncia si migliora anche la comprensione all’ascolto. Due piccioni con una fava!

Ma come si fa a migliorare? Innanzitutto, nonostante la famigerata ortografia, la pronuncia inglese non è arbitraria: ci sono regole e tendenze che si possono imparare. Basta però ricordare che non sono le regole dell’italiano.

Ci sono poi alcuni “segreti” – come una vocale “magica” che si intrufola un po’ dappertutto (acquisire questa sarà un bel passo avanti) – ma non ti voglio tediare. Sappi che esistono dei bellissimi esercizi per allenare la voce e l’orecchio.

Detto questo, imparare una lingua, anche una lingua relativamente facile, richiede lavoro e impegno. È importante mantenere un atteggiamento positivo e non scoraggiarsi. Ricorda che l’apprendimento, per sua natura, non è un processo lineare: richiede ripetute esposizioni a un’espressione o a una costruzione. Di volta in volta se ne approfondisce la conoscenza, e laddove necessario si aggiusta il tiro. Per cui, se un’espressione non ti è nuova ma fai fatica a ricordarti cosa significa, non ti preoccupare. Va bene così! Vuol dire che la rivedremo più in là.

L’importante è perseverare; i risultati non tardano ad arrivare, ma comunque sia ci vuole tempo per imparare una lingua. Per un adulto, questo non è sempre facile. Tra costi, impegni e imprevisti, gli ostacoli non mancano, ma non mancano neanche le soluzioni!

Annunci

2 pensieri riguardo “Imparare l’inglese? -Si può fare!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...